Agrigento e il territorio

Agrigento fu fondata nel 581 a.C. da coloni greci rodio-cretesi e prese il nome di Akràgas che divenne, nel secolo seguente, uno dei più grandi e fiorenti centri del Mediterraneo: lo testimoniano gli straordinari reperti custoditi nel Museo Archeologico Regionale di Agrigento e la maestosa Valle dei Templi, dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. Di Agrigentum, rimangono i resti delle eleganti ville gentilizie e delle regolari vie del Quartiere Ellenistico-Romano. Il Museo e il Parco archeologico sono periodicamente sedi di grandi eventi culturali. Nel cuore del Parco Archeologico, un'oasi di straordinaria bellezza è rappresentata dal Giardino della Kolymbetra, gestita dal FAI.

La città oggi si sviluppa intorno a due colline, la Rupe Atenea e il colle di Girgenti: su quest’ultimo si estendeva la città medioevale oggi l’attuale centro storico. Nel centro storico i vicoli e le viuzze dell'allora araba Kerkent collegano pregevoli edifici e chiese d’epoche successive. La via Atenea, fiancheggiata da negozi, caffè, ristoranti ed edifici storici, è il cuore palpitante della nuova e vecchia Girgenti; dal vicino Viale della Vittoria si domina il grande panorama della Valle e il mare: le spiagge di Agrigento si estendono per chilometri ad est ed a ovest da Punta Bianca a San Leone la frazione balneare dell'attuale Agrigento.

In prossimità di Porto Empedocle, in c.da Caos si trova la Casa Natale –museo- di Luigi Pirandello: drammaturgo, poeta e premio Nobel per la letteratura, cui è dedicato un Parco Letterario, numerose manifestazioni teatrali e un prestigioso convegno internazionale. Le maggiori feste di tradizione popolare della città sono la Sagra del Mandorlo in Fiore e la Festa di San Calogero.

Cosa vedere: Museo Archeologico; Parco della Valle dei Templi; Giardino della Kolymbetra; Centro storico (Cattedrale, Chiesa di S.ta Maria dei Greci, Monastero di S.Spirito, Convento dei Francescani Minori, via Atenea e vie collaterali); Casa Natale-Museo Luigi Pirandello; S.Leone; Punta Bianca.

Cosa gustare: pietanze a base di pesce fresco, caponata di melanzane, piatti a base di carne, fra cui, il farsu magru; pasticceria e gelati a base di ricotta, mandorle e pistacchio; vini.

Offerte e Promozioni

Eventi